il Castello di Piea

Tempo variabile oggi, tra sprazzi di sole mattutini e nuvolosità pomeridiana con un venticello piuttosto fresco, non proprio primaverile, ma è stato piacevole ugualmente passare qualche ora  nel verde del parco secolare del Castello di Piea, in provincia di Asti. Normalmente è usato come location per feste private ma durante l’anno il castello apre ai visitatori per alcune manifestazioni particolari.
Non manca una nota tragica che  narra del fantasma della nobile Orsola, ultima discendente dei Roero, morta nel 1796 a 24 anni mentre dava alla luce una bimba, vissuta pochi minuti;  proprio suo sarebbe lo spettro della misteriosa Dama Bianca che si aggira nottetempo nelle sale del maniero. Sale  riccamente arredate con lampadari di Murano, preziosi mobili d’epoca, ceramiche e cristallerie francesi oltre a qualche pezzo meno datato ma altrettanto importante per gli appassionati del film Titanic e a quelli della mitica Maria Callas; ci sono infatti il vestito indossato nel film da Kate Wislet e un letto appartenuto alla celebre cantante lirica.
Della sua storia se volete potete leggere qualche cenno al link che lascio prima di qualche foto tra quelle che ho scattato  dai vialetti del parco. Peccato per il tempo poco magnanimo per la riuscita ottimale delle foto, ma mi so accontentare.

Cenni storici qui: https://www.castellodipiea.com/cenni-storici.html

Tutte le foto sono personali.
Daniela Cerrato

P1120037P1120022P1120033P1120008P1120028P1120007P1120029P1120041P1120025P1120031

 

Annunci

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

10 pensieri riguardo “il Castello di Piea”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.