L’Onda (Gabriele D’Annunzio)

Solitamente preferisco leggere le poesie piuttosto che ascoltarle,salvo  eccezioni.La lirica “L’onda” tratta da Alcyone di Gabriele D’Annunzio ha sicuramente una forza tale da coinvolgere totalmente in ogni passaggio,ma interpretata dal bravo Giovanni De Nava diviene ancor più superba e incalzante nelle sue trasformazioni repentine. Buon ascolto.

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

12 pensieri riguardo “L’Onda (Gabriele D’Annunzio)”

    1. Ma quale Carmelo Bene???? Fe rmo restando il suo valore,quando mai Carmelo Bene ha avuto tale potenza vocale e tale varietà di toni ? Senza le pròtesi microfoniche, di cui il de Nava non ha certo bisogno, avrebbe fatto cilecca! E poi: il temperamento del de Nava è di segno ben più poderoso! Si tratta di due Estetiche estremamente diverse: de Nava è il romantico, Bene non lo è per niente. Comunque: un’interpretazione così è favolosa: la VEDI l’onda, eccome!!

      Piace a 1 persona

      1. concordo con te Brigitta,e di quell’onda oltre ad averne visione la percepisci, senti che ti avvolge e ti trasporta con delicatezza e forza…un’interpretazione che continuo ad adorare e penso che anche D’Annunzio gradisca da lassù.

        "Mi piace"

      2. Il mio non voleva essere un giudizio di merito sugli interpreti.Condivido il tuo punto di vista su Carmelo Bene.Mi limito ad osservare delle assonanze “Beniane” nell’interpretazione del de Nava.

        "Mi piace"

      3. Volevo aggiungere che, nell’interpretare d’Annunzio, nessuno oggi in Italia è più “specializzato” di Giovanni de Nava, non ce n’è proprio per nessuno, e per chi non lo sapesse ancora, basta fare una puntatina su youtube per rendersene pieno conto: la sua “Pioggia nel pineto” è inarrivabile (consiglio l’ascolto in particolare dei files audio, dal momento che la poesia, data la sua natura “soft”, in palcoscenico non può essere resa appieno), così come la “Morte del cervo” (sconvolgente!) e il brano pressocché sconosciuto “Lettera all’ignota” con cui de Nava concludeva uno splendido spettacolo tutto dedicato al divino Gabriele, portato in scena nel 2013. Ma la grandezza di de Nava è verificabile in tanti altri brani (specie shakesperiani) godibili sempre su you yube, in cui la genialità interpretativa, lo straordinario eclettismo ( anche in brani brillanti: Palazzeschi, Campanile, Trilussa) e la eccezionale tecnica, lo rendono, nel panorama degli attori teatrali italiani, UNICO. E, come ogni cosa eccelsa, è per pochi “palati” raffinati, non certo per per la massa, da qui la sua esclusività.

        Piace a 1 persona

  1. Ribadisco che non vi è proprio alcuna “assonanza” beniana, vuoi per temperamento, vuoi per vivacità interpreativa, e vuoi per vocalità. In ogni modo, nell’interpretare d’Annunzio, di fronte al de Nava non ce n’è per nessuno, e, per chi non ne fosse ancora al corrente, basta fare una puntatina su youtube per rendersene conto: la sua “Pioggia nel pineto” è inarrivabile (consiglio in particolare l’ascolto dei files audio, dal momento che la poesia è intessuta di atmosfere “soft” tali che, in palcoscenico non possono essere rese completamente), così come “La morte del cervo” semplicemente sconvolgente, e il pressocché ignoto “Lettera all’ignota” , pezzo da brivido, con cui de Nava concludeva un suo spettacolo portato in scena nel 2013 tutto dedicato al divino Gabriele. Ma la grandezza di Giovanni de Nava si evidenzia anche (vedere sempre su youtube) in tanti altri autori, da Shakespeare ai poeti della Beat generation, fino a Campanile, Palazzeschi, Trilussa, in cui è facile verificare oltre alla genialità interpretativa e la tecnica irraggiungibile, anche il suo straordnario eclettismo. Certo, come tutte e cose eccelse è per pochi “palati” raffinati, non certo per la massa, e questo non faa che conclamare la sua unicità, nel panorama degli attori teatrali italiani.

    Piace a 1 persona

    1. ti ringrazio Brigitta per il tuo intervento,anche se ho postato solo “L’onda” ho avuto modo di apprezzare le altre declamazioni dannunziane di De Nava e devo dire che effettivamente ha una marcia in più rispetto alle altrui intepretazioni.Buona domenica Brigitta,sei la benvenuta.

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: