“Dafne”- Arcangelo Blandini (1899 –1974)

Arcangelo Blandini, catanese è scrittore meno noto di Saba, Montale, Ungaretti o Gozzano ma è comunque un notevole rappresentante della poesia italiana del novecento. Collaborò dagli anni ’30 a giornali e riviste tra cui il periodico “Quadrivio” ed il quotidiano “Il Tevere”  di cui divenne redattore capo della pagina culturale.
Nel 1932 , quando aveva già al suo attivo la pubblicazione di diverse poesie e articoli di critica letteraria,  il critico ed editore Giovanni Scheiwiller gli pubblicò il primo volumetto “Poesie”.
Il ritratto più bello di Arcangelo Blandini è quello che gli dedicò Vitaliano Brancati nel 1961 nel “ Diario Romano” scrivendo:
“ Non so quanti intellettuali possegga l’Europa che abbiano la purità di Arcangelo Blandini: se fossi un grande poeta mi basterebbe per cinquant’anni  di venir letto soltanto da lui. La sua ripugnanza alla pubblicità, ai complimenti dei lettori e dei critici, l’ha fatto vivere per anni rintanato in una casetta di Catania fra vecchi alberi, cespugli incolti e rustiche terrazze attraversate da gatti: questa ripugnanza gli è talmente incarnata nei nervi che egli sente un direttore di giornale o un editore come un ermellino sente il cacciatore armato. Qualunque persona è in grado di fargli passare una penosa notte proponendogli la pubblicazione dei pochi versi che egli ha scritto in tutta la sua vita. Questi versi, io li conosco in parte, e non voglio giudicarli, ma come non dire che egli possiede un po’ di quel soavissimo olio del quale sono uniti i versi del Petrarca e del Leopardi?. (So che, pubblicando queste mie parole perdo la sua amicizia; ma non è la prima volta che fra un amico e la verità scelgo la verità). Sotto il regime fascista egli visse in disparte accordando, non so in quale modo, la dolcezza estrema del suo carattere e l’odio per le cose che gli stavano attorno; e poiché per rendere taluni contrasti le espressioni più serie sono i giuochi di parole, dirò che egli si amareggiò sino al limite della sopportazione, ma non finì mai di essere il più dolce uomo di questa terra. Trascorreva intere giornate sdraiato sul letto con un libro sulle ginocchia e riconosceva nel vento, che aveva cambiato direzione, la nuvola ch’era passata poco avanti e ora tornava a passare. E’ superfluo dire che il suo nome non è registrato nell’elenco degli iscritti al fascio né fra i componenti le accademie. E nondimeno, caduto il fascismo, quando insieme ai coraggiosi, molti stupidi e molti inetti alzarono la voce, egli abbassò la sua a tal punto che un mio caro amico di settant’anni (Francesco Guglielmino), leggermente sordo dall’orecchio destro, mi domandò un giorno rannuvolato se Blandini non parlasse così piano per scoraggiare lui dal venire a quel caffè”.

___________________________________________________

    DAFNE
Sorge rosea dal mare la giovine aurora; diffonde
la radiante luce per l’aere sgombro di nubi.
Le pallide viole rilevano il tenue stelo
che la fredda rugiada piegò nella notte silente.
Alla divina luce susurra la selva dei mirti
e tremano le foglie dell’albero sacro ad Atena.
L’anima vegetale gioisce. Nè forse ricordi
la paurosa fuga che strinse il tuo fragile cuore,
Dafne, quando l’ardente Apollo inseguì le tue orme.
Serena è a te la vita se più la tua linfa non sente
i fremiti del sangue: ignara del folle destino
che grava su la terra, tu sogni la pace infinita.

( Da “Poesie” di Arcangelo Blandini, Milano , 1932 )

“Apollo e Daphne “, tela del Veronese  (San Diego Museum of Art)

624px-Apollo_and_Daphne_by_Veronese,_San_Diego_Museum_of_Art.JPG

Annunci

Informazioni su Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a “Dafne”- Arcangelo Blandini (1899 –1974)

  1. İyi akşamlar & 🐞

    Good evening & 🐞

    Guten tag & 🐞

    Bonsoir & 🐞

    Buon pomerriggio & 🐞

    ¡buenos tardes 🐞

    Mi piace

  2. marzia ha detto:

    Sensazionale lirica…rimango incantata.
    Ti son debitrice: ignoravo l’esistenza di questo poeta.
    Un bacione

    Liked by 1 persona

  3. Come parole di polvere ha detto:

    Molto molto molto bella💚grazie ho imparato cosa nuiva😗

    Liked by 1 persona

  4. fulvialuna1 ha detto:

    Non conosco questo autore.
    Le sue parole sono molto interessanti, una lirica fluida e dolce. descrittiva.

    Liked by 1 persona

  5. vikibaum ha detto:

    di blandini me ne parlò un amico catanese ma non avevo mai letto nulla fino ad oggi: crea immagini davvero uniche con i suoi versi , ti coinvolge…grazie dani, buondì

    Liked by 1 persona

  6. marcello comitini ha detto:

    Daniela, sei una vera esploratrice! Hai scoperto anche un poeta mio conterraneo e concittadino. Complimenti!!

    Liked by 1 persona

  7. Pingback: “Dafne”- Arcangelo Blandini (1899 –1974) — Il Canto delle Muse -

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...